"Mi sento inadeguata nel corpo, in certe situazioni"

“Mi sento inadeguata in certe situazioni per il mio corpo”Rosalba

Nell'entrare in queste parole, che come puoi intuire sono delicate e complesse, vorrei partire da alcune citazioni di libri.

All'epoca inanellavo lavoretti precari, mentendo sulla mia età. Un amico della casa famiglia in cui vivevo mi aveva falsificato i documenti per farmi diventare maggiorenne. Ero senza età, avrei potuto avere quattordici come venticinque anni. Mi vestivo solo in jeans e maglietta. Avevo i capelli corti e orecchini dappertutto, pure nel naso ero esile e mi truccavo di occhi di nero. Non avevo amiche. Sembravo troppo un maschio. - Cambiare l'acqua ai fiori
Ora, essere diversa non era mai stato un problema. Essere grassa lo era stato solo qualche volta. Ma essere la migliore versione di sé significa anche guardare in faccia le proprie paure. E una delle mie è allenarmi in palestra. Mentre tutti i palestrati mi guardano e mi deridono. La sola idea mi agita e mi crea vergogna. Prego, con tutto il cuore che mi accolga un segretario fuori forma, non pretendo sia grasso. Va benissimo uno stagista con gli occhiali e con i brufoli. Mi mostrerà la palestra, io sentirò l'aria che tira, guarderò la percentuale di palestrati sorridenti e sceglierò se iscrivermi o meno. - Il peso in avanti
Ben presto la catapecchia fu piena dello sfrigolio e dell'odore di salsiccia. Nessuno disse una parola mentre il gigante si dava da fare, ma non appena ebbe fatto scivolare dall’attizzatoio le prime sei salsicce grasse, succulente e leggermente abbrustolite Dudley diede segni di irrequietezza. Lo zio disse in tono aspro: “Non toccare niente di quel che ti dà, Dudley”. Il gigante ridacchiò beffardo: “Quel ciccione di tuo figlio non ha bisogno di ingrassare ancora, non ti preoccupare”. E passò le salsicce a Harry. Il ragazzo era talmente affamato che gli parve di non aver mai assaggiato niente di così squisito. - Harry Potter e la pietra filosofale

Noi cresciamo immerse in storie che ci ripetono come ci sia un corpo giusto e un corpo sbagliato, per ogni cosa. Come ci sia il corpo adeguato per andare in palestra, per poter mangiare quel cibo se ne hai arrivare a un matrimonio. Il corpo più adatto per essere amata, per giocare con i figli, per fare carriera.

Quindi partiamo da qui.

Dal capire che sentire il nostro corpo come non adeguato per certe realtà è aimè naturale, perché è la storia che ci viene ripetuta da sempre e quindi è la storia che facciamo nostra.

Cosa possiamo fare insieme, per cambiarle (dentro e fuori)?

Prendere consapevolezza.

Perché senti che il tuo corpo è inadeguato? In quali situazioni accade? Da dove nascono questi pensieri?

E nel farlo, prova a tornare al passato: come veniva vissuto (e viene tutt’oggi) vissuto il corpo all'interno della tua famiglia. Prova a esplorare quali frasi venivano rivolte a te, sul corpo, ma anche ciò che veniva commentato degli altri. Infatti gli studi mostrano che l'effetto sul nostro rapporto con il corpo vale sia nel caso in cui il giudizio sia diretto a noi, sia anche nel caso in cui noi siamo ascoltatori passivi.

Prova inoltre ad esplorare il tuo ambiente quotidiano. Per esempio il contesto di lavoro come è, sul tema corpo?

Su questo, ti porto un piccolo pezzetto della mia vita. In passato, mi sono spesso sentita inadeguata nell’essere dietista, per il mio corpo. Pur essendo un corpo del tutto conforme e privilegiato per la società, non richiama l'immaginario del “corpo da modella”. E purtroppo in alcuni ambiti il mondo racconta che la forma del corpo dovrebbe raccontare quanto si è capaci e brave, nel proprio lavoro.

Entrare dentro le tue storie, nel corpo.

Inizia a chiederti quali di queste storie che hai riconosciuto sul corpo, senti risuonare con te e quali invece non si allineano al tuo sguardo e ai tuoi valori. Questo è ciò a cui ci dedichiamo anche nel percorso “Corpo libero”, e che puoi iniziare a fare con i doni dedicati al corpo sbirciando tra le pagine del sito.

Giada Fierabracci - Dietista non prescrittiva

Che bello averti qui

Sono Giada Fierabracci, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo. Da qualche anno lavoro come libera professionista, per lo più online, con al fianco la mia assistente a quattro zampe Ellie

Chi sono

Vuoi fare un passo in più?

Ho preparato una raccolta di doni per te, dedicati al tuo rapporto con il cibo e il corpo. Che tu sia paziente o professionista, troverai nuovi sguardi e aiuti. Tra lezioni, pratiche guidate, romanzi e poesie... riscriveremo insieme la sfera del cibo e del corpo. Nel tuo mondo personale o professionale.

sbircia i doni

Post correlati

Perdite di controllo: capirle, capirsi, pendersi cura

Oggi parliamo di perdite di controllo nel cibo, un tema che mi sta molto a cuore e che torna spesso nello spazio di cura. Come riconoscerle? Che bisogni possono racchiudere? Quali attenzioni e passi terapeutici possono aiutare? Una cosa, come dietista, che ho imparato nel tempo è: ogni persona ha un'idea e un'esperienza diversa di […]

Leggi il post
Difficoltà ad ascoltarsi nel cibo: cultura della dieta, grassofobia ed eredità familiare

Oggi parto dalle parole che sono arrivate da una di voi, parole che tornano spesso anche negli spazi di cura insieme quando parliamo di cultura della dieta. Quindi ho pensato fosse prezioso entrarci insieme. “Sono arrivata ad un punto in cui ho capito che devo ritrovare cosa mi fa stare bene nel cibo. Ma non […]

Leggi il post
come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - Un tea insieme. Parole su cibo e corpo

"Come sulla pelle", una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo

Due volte al mese, ti scrivo raccontando esperienze, conoscenze scientifiche, strumenti pratici ed ispirazioni. Partiamo dalle storie, quelle che ci entrano dentro e che sentiamo addosso, come sulla pelle. Per andare sempre più in profondità nel tuo rapporto con il cibo e il corpo.

Dice Hillman “Le parole sono come cuscini: quando sono disposte nel modo giusto alleviano il dolore”. Una newsletter, quella insieme, in cui parola dopo parola le storie diventano finestre: per avvicinarci, conoscerci, prenderci cura.

Vuoi prendere questo tea insieme?

Una lettera, da me per te

Una newsletter da leggere con un tea caldo, al risveglio, come ultima coccola della settimana per ritrovare un rapporto nel cibo e nel corpo sempre più consapevole, sereno, libero.

iscriviti alla newsletter

Sono Giada, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo.

info@giadafierabracci.com
© 2024 Giada Fierabracci - Dietista Nutrizionista Online | Ordine TSRM PSTRP n.81 | PIVA 01942600493
Privacy Policy & Notice | Aggiorna preferenze cookie | Termini e condizioni
Web design Miel Café Design | Foto Giui e Deerspensa | Brand identity Giulia Son | SEO La Scribacchina
bubblemagnifiercrossmenuchevron-down