Riscrivere le storie sul corpo e la bellezza che ci portiamo dentro

Quando ero piccola c’era un libro che passavo le ore a sfogliare. Parlava di una principessa in un mondo magico e aveva delle immagini così belle da far sognare. 

La storia iniziava così “C’era un regno magico, dove viveva una principessa. I suoi occhi erano blu come il mare, il sorriso leggero come il cielo, i capelli dorati come il sole.”

Che sia la Sirenetta, Cenerentola, Biancaneve, la propria attrice preferita o quel libro ormai dimenticato su una mensola, tuttə abbiamo dentro di noi le storie del mondo: quelle che parlano di corpo, bellezza, femminilità.

Nel tempo si sono sommate, intrecciate, sono uscite dalla favole per arrivare nel mondo reale, quello di tutti i giorni. Hanno incominciato a parlare di nostra madre, della nostra amica, di quella collega, di noi stessə.

Sono filtri attraverso cui abbiamo imparato a osservare il corpo nostro e altrui: li sentiamo nel mondo attorno e ce li portiamo addosso. Sono narrazioni che riguardano la morale, il valore che ci diamo, il peso del nostro corpo.

E solo prendendo consapevolezza di queste storie, leggendole, riscrivendole, possiamo tornare a raccontare e vivere il corpo in modo più consapevole, sicuro, libero. Nei nostri spazi personali e professionali.

La storia più antica del mondo, quella del corpo femminile

La storica, ricercatrice e archeologa francese Marylène Patou-Mathis nel suo libro “La preistoria è donna” rilegge il periodo preistorico, da sempre raccontato come un mondo maschile, con una nuova lente: le donne erano il cuore della società.

E’ infatti già dalla preistoria, grazie ai ritrovamenti archeologici e alle tante pitture rupestri, che inizia ad essere raccontata la storia del corpo femminile.

All’inizio legata alla vita, alla maternità e alla cura. Con un significato sociale, ma senza alcun valore o giudizio. Poi, con il passare dei secoli,  il corpo femminile ha assunto uno sguardo morale sempre più forte: bellezza come segno di gentilezza, purezza, castità, ma anche tentazione, sensualità, manipolazione.

Quella che tuttə noi portiamo dentro oggi, sul corpo femminile, è quindi una storia lunga millenni. Arriva a noi in modo invisibile ma diventa filtro attraverso cui guardiamo, viviamo, pensiamo e giudichiamo il corpo, nostro e altrui: come è opportuno vestirsi? Cosa significa essere bellə, e quanto è importante? Come dovrebbe presentarsi una madre? E una professionista in azienda? 

Tra le storie del mondo: l’ideale di bellezza e la grassofobia

Il corpo entra in ogni sfera della nostra vita, dal cibo alle relazioni fino al lavoro, e in ognuna di esse porta con sé una certa idea di giusto-sbagliato. Una serie di storie del mondo, appunto.

Quelle da cui vorrei partire oggi, per mettere le radici insieme, sono quelle che più portiamo dentro e che più influenzano la vita quotidiana: l’ideale di bellezza e la grassofobia.

L’ideale di bellezza

“Lo scetticismo dell'epoca moderna svanisce come per incanto quando si ha a che fare con la bellezza femminile. Ora più che mai essa viene descritta non come fosse una creazione di esseri mortali, [...] ma come se ci fosse un'autorità divina che emana delle disposizioni imperiture che stabiliscono ciò che rende una donna piacevole a vedersi.” Naomi Wolf, Il mito della bellezza

L'ideale di bellezza riflette le norme, le aspettative e i valori estetici sul corpo, soprattutto femminile, di una determinata società o cultura. L'ideale di bellezza sociale rappresenta una sorta di modello o standard di ciò che è considerato desiderabile all'interno di una comunità.

Questo ideale è influenzato da fattori come la storia, la religione, i media... e quindi può cambiare da cultura a cultura, nel tempo: ciò che una società considera bello potrebbe essere molto diverso da ciò che è considerato bello in un altro periodo storico o in un'altra parte del mondo. Puoi ben intuirlo pensando agli ideali di bellezza femminili che si sono alternati nell’ultimo secolo: dalle donne-sirena alle pin up fino alle waif (letteralmente “creature gracili”).

Il cuore dell’ideale di bellezza, quello che vorrei condividere qui, non è tanto quale esso sia  quanto piuttosto il suo valore: la bellezza diventa portatrice di valori umani più profondi. Una donna bella diventa - un po’ come le principesse delle favole - la persona buona, gentile, amabile, desiderata… felice.

La bellezza diventa così un aspetto sognato, desiderato, rincorso da tuttə noi in modo più o meno consapevole: in fondo, chi non desidera essere accettatə, amatə, essere abbastanza?

La grassofobia

"La grassofobia è una manifestazione di pregiudizio basato sul peso, un pregiudizio che ha un impatto tangibile sulla salute e sul benessere delle persone grasse." - Lindo Bacon

"La grassofobia è il risultato di un sistema che valorizza i corpi magri e promuove l'idea che il valore di una persona sia direttamente proporzionale al suo peso." - Ragen Chastain

Immagina per un momento le principesse che hanno riempito la tua infanzia, i film che più ami, le immagini che scorrono sulle bacheche dei tuoi social: quanti raffigurano corpi grassi o molto grassi?

La grassofobia è un concetto, anzi un filtro che indossiamo, molto difficile da spiegare. Non tanto per il suo significato, quanto per il fatto che è così normalizzato e intrecciato alle nostre vite da essere ormai invisibile.

Per questo, prendere consapevolezza di questo filtro richiede apertura mentale e di abbassare per un po’ le resistenze personali che è naturale possano attivarsi.

Tornando al suo significato, la grassofobia porta avanti l’idea che i corpi meritano un rispetto diverso in base alla loro forma: i corpi magri sono più meritevoli dei corpi grassi. O meglio, le persone magre sono più meritevoli delle persone grasse.

Partendo da qui, nel tempo sono nati e cresciuti una serie di stereotipi sui corpi grassi: stereotipi legati alla forza di volontà, ai valori umani, al livello di salute e cura personale, alla determinazione. Stereotipi che hanno portato al nascere di discriminazioni, ossia comportamenti diversi spesso inconsapevoli di fronte ad un corpo magro o ad uno grasso.

Ed ecco che le principesse diventano tutte magre e bellissime, mentre le cattive delle favole sono spesso brutte e grasse (basti pensare ad Ursula della Sirenetta).

Vuoi iniziare a riscrivere le storie sul corpo che ti porti dentro?

A questo è dedicata questa la masterclass gratuita ,“Bellezza femminile: riscrivi le storie, libera il corpo”

Partendo da quattro romanzi molto diversi ripercorriamo la storia del corpo femminile, i significati che ha assunto nel tempo. Imparerai ad andare oltre, a leggere tra le righe, a prendere consapevolezza dei filtri tuoi e altrui.

Perché solo prendendo consapevolezza profonda delle storie sul corpo, la bellezza, la femminilità che ci portiamo dentro possiamo vivere (e aiutare a vivere) il corpo in modo più consapevole. E rendere così il tuo spazio professionale, e il mondo, più sicuro e libero.

ricevi la masterclass in dono

Le storie escono dalle pagine e si intrecciano alla nostra vita, di ogni giorno

Perché dedicare così tanto tempo, attenzione, cura a leggere e riscrivere le storie che ci portiamo dentro sul corpo?

La risposta è tanto semplice quanto centrale: queste storie escono dalle pagine che le raccontano ed entrano nella quotidianità, influenzando in modo profondo le nostre vite. 

Perché tu abbia una cornice di realtà, questi sono alcuni dati al riguardo:

  • Uno studio condotto dal Center for Employment Equity ha rilevato che le persone con corpo grasso hanno difficoltà nell'ottenere opportunità lavorative e nel fare carriera.
  • Un sondaggio condotto dalla National Association to Advance Fat Acceptance ha mostrato che il 45% dei partecipanti ha subito discriminazione legata al peso durante il processo di assunzione.
  • Uno studio del Workplace Bullying Institute ha scoperto che il 61% dei lavoratori con corpo grasso ha subito bullismo o molestie sul posto di lavoro, basate sul peso.
  • Un sondaggio condotto dalla Rudd Center for Food Policy & Obesity ha rilevato che le persone con corpo grasso possono guadagnare in media $1.25 in meno, a parità di competenze e formazione.

E questo inizia fin da giovani:

  • Uno studio condotto dal National Eating Disorders Association ha rilevato che il 81% delle ragazze di età 10-17 anni si sente sotto pressione per avere un corpo perfetto.
  • Secondo uno studio pubblicato su "Pediatrics", oltre il 70% delle ragazze di età 15-17 anni si sente insoddisfatto del proprio corpo.
  • Un sondaggio condotto da Ditch the Label, un'organizzazione anti-bullismo, ha rilevato che il 39% dei giovani 12-20 anni ha subito bullismo a causa dell’aspetto.

Da dove nasce tutto questo?

La risposta è complessa e non può essere racchiusa in poche righe. Uno dei temi che ritornano sono però i media, le rappresentazioni e le immagini che ci circondano.

Questo apre lo sguardo a come tuttə noi possiamo fare la differenza nel modo di vivere il corpo, nostro e altrui: attraverso le fotografie che condividiamo e ammiriamo, i testi che scriviamo, le parole che usiamo, attraverso la sfera personale e quella professionale.

Solo prendendo consapevolezza profonda delle storie sul corpo, la bellezza, la femminilità che ci portiamo dentro possiamo vivere (e aiutare a vivere) il corpo in modo più consapevole, sicuro, libero.

Strade per lavorare sul nostro rapporto con il corpo

In base a dove siamo oggi, alle nostre risorse e ciò che più ci risuona, possiamo iniziare a coltivare questa sfera in modi diversi. E una parte del lavoro insieme è dedicata proprio ad entrare in profondità nelle storie che ci portiamo dentro su corpo e bellezza, soprattutto nel femminile.

Partendo dalla mia esperienza, personale e professionale, alcune delle strade principali sono:

  • informazione, attraverso il racconto di chi ha fatto di questi temi il proprio lavoro (attivistə, sociologə, filosofə, scrittori e scrittrici) ma anche di chi lo ha vissuto sul proprio corpo perché parte di una minoranza. Libri, podcast, profili social… Tra i titoli che più ti consiglio, c’è “Campo di battaglia” di Carolina Capria, testo che utilizziamo insieme anche nel percorso “Corpo libero”.
  • percorsi di consapevolezza, che nascono per riconoscere i filtri che indossiamo sul corpo femminile. Così da poterli riscrivere, da trovare il proprio sguardo, da diventare uno spazio più sicuro e accogliente per noi e per gli altri. Possono essere percorsi con sapori diversi: più filosofici, più sociali, più storici… e proprio tra questi trovi anche il percorso insieme “Corpo libero”.
  • percorsi psicoterapeutici sul rapporto con il corpo, dedicati a prendersi cura delle ferite emotive che tutte queste storie, sul corpo, di cui abbiamo parlato fino ad ora possono aver lasciato dentro di noi. E che possono far male, ancora oggi.

Strumenti per leggere e riscrivere le storie che ci portiamo dentro

Immaginare di lavorare su un tema così complesso come la narrazione del corpo può essere difficile, soprattutto da un punto di vista pratico: come si fa? 

Le risposte sono infinite: c’è chi usa strumenti di cura, chi l’arte, chi la fotografia, chi la lettura. E c’è chi lo fa con uno sguardo più mindful, chi con uno sguardo più sociale e forte, chi in condivisione e chi in intimità.

Qui ti racconto alcuni degli strumenti che più uso, insieme, nei percorsi dedicati al corpo. Sono quelli che ho più studiato, sperimentato, che più conosco e di cui posso parlarti al meglio.

Ricostruzione storica e filosofica

Un punto di partenza prezioso è comprendere la storia del corpo, soprattutto quello femminile. Dalla preistoria all’epoca romana, dal Medioevo fino ad oggi. In Occidente così come in Oriente. 

Conoscere la storia aiuta a comprendere meglio ciò che viviamo oggi: da dove nasce, perché, come si è evoluto nel tempo. Permette di mettere in prospettiva, prendere le distanze, guardare con più consapevolezza e complessità.

Dialogo e riflessione guidata

La condivisione e lo scambio verbale sono uno strumento di lavoro importante: rimanendo dentro di noi, possiamo conoscere solo le nostre storie e ripeterle all’infinito.

Il tema del corpo è però delicato, intimo, controverso. Per questo, è d’aiuto discuterne in uno spazio sicuro dove unə professionista possa guidare il dialogo perché sia produttivo, di crescita e consapevolezza, invece che giudicante.

Perché ci porti a conoscere e conoscerci, anziché chiuderci a riccio.

Letture e libri

Questo, come puoi aver intuito, è uno dei miei strumenti preferiti.

I libri, dai romanzi che in apparenza non hanno nessun legame con il corpo ai veri e propri saggi sul tema, possono essere una via per:

  • informarsi e conoscere il tema, attraverso le parole di chi certe sfere le ha studiate per decenni, ma anche le parole di chi ha fatto esperienze di vita che noi non faremo mai. Con i libri possiamo immergerci in mille vite.
  • conoscerci e riscrivere. Questo è un uso della lettura più attivo e, a tratti, terapeutico. Per questo è più facile viverlo in percorsi guidati più che in modo autonomo. Ti è mai capitato, leggendo, di pensare “Questə potrei essere io” oppure di sentire delle emozioni nel petto (rabbia, tristezza, felicità, confusione…). Ogni reazione che una lettura fa nascere in noi, ci racconta qualcosa di noi stessə. Con l’aiuto dellə professionista, queste reazioni possono diventare radici da cui partire per ricostruire.

Arte e immagini

Il corpo è raccontato tanto nero-su-bianco quanto attraverso fotografie, quadri, sculture.

Per questo, esplorare l’arte e le immagini è uno strumento di lavoro molto prezioso nel tema del corpo e della bellezza. Può essere fatto in mille modi:

  • ripercorrere l’arte nel corso dei millenni
  • esplorare la rappresentazione fotografica, dai magazine ai social media
  • confrontare la rappresentazione grafica del corpo in luoghi e culture diverse, ad esempio in Occidente e in Oriente
  • guardare alle pubblicità, in diverse forme, settori, periodi…

Creatività e scrittura

Infine, tra quelli che vediamo oggi, uno strumento di lavoro prezioso è quello che porta a “creare”: solo così possiamo portare fuori quello che sentiamo, viviamo, pensiamo dentro. Anche sul corpo, la bellezza, la femminilità.

E nel portare fuori, facciamo un processo di astrazione e diamo una forma più definita, concreta: selezioniamo, mettiamo a fuoco, proviamo a descrivere. 

Questo può essere fatto scrivendo stile journaling, utilizzando la scrittura per creare storie, costruendo collage e boards, utilizzando l’intelligenza artificiale, sfruttando la pittura. Anche in questo caso, quello che ne nasce è solo un punto d’inizio per andare più in profondità in un lavoro attivo, grazie all’aiuto dellə professionista.

In questo articolo:
Guide e risorse gratuite dietista

Vuoi coltivare insieme il tuo mondo professionale?

Per migliorare il tuo lavoro: renderlo più profondo, più sicuro per ǝ clienti. Più vicino ai tuoi valori, a ciò che ti risuona e ti fa stare bene  E ancor di più per contribuire, attraverso di esso, a riscrivere le storie del mondo. 

In questo spazio trovi aiuti pensati per a te che:

  • sei professionista della cura e stai abbracciando un approccio non prescrittivo, con tutte le sfide, i dubbi e le insicurezze che porta con sé questo meraviglioso ma grande passo. 
  • sei professionista non della cura (fotografia, branding, coaching, educazione…) e lavori con il cibo, il corpo o il femminile. Perché è una storia, quella sul cibo e il corpo, che il mondo ci racconta da sempre. Tanto da averla fatta nostra, inconsapevolǝ.

 

Spazio per professionistə
come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - Un tea insieme. Parole su cibo e corpo

"Come sulla pelle", una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo

Due volte al mese, ti scrivo raccontando esperienze, conoscenze scientifiche, strumenti pratici ed ispirazioni. Partiamo dalle storie, quelle che ci entrano dentro e che sentiamo addosso, come sulla pelle. Per andare sempre più in profondità nel tuo rapporto con il cibo e il corpo.

Dice Hillman “Le parole sono come cuscini: quando sono disposte nel modo giusto alleviano il dolore”. Una newsletter, quella insieme, in cui parola dopo parola le storie diventano finestre: per avvicinarci, conoscerci, prenderci cura.

Vuoi prendere questo tea insieme?

Una lettera, da me per te

Una newsletter da leggere con un tea caldo, al risveglio, come ultima coccola della settimana per ritrovare un rapporto nel cibo e nel corpo sempre più consapevole, sereno, libero.

iscriviti alla newsletter

Sono Giada, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo.

info@giadafierabracci.com
© 2024 Giada Fierabracci - Dietista Nutrizionista Online | Ordine TSRM PSTRP n.81 | PIVA 01942600493
Privacy Policy & Notice | Aggiorna preferenze cookie | Termini e condizioni
Web design Miel Café Design | Foto Giui e Deerspensa | Brand identity Giulia Son | SEO La Scribacchina
magnifiercrossmenuchevron-downarrow-right