Desiderio di cambiare il proprio corpo? Perché partire dall'immagine corporea

Uno dei motivi principali per cui si inizia un percorso nutrizionale è cambiare la forma del proprio corpo. Per vedersi più belle. Per sentirsi meglio. E’ qualcosa che in passato ho vissuto anche io ed è naturale, ma dietro nasconde molto di più. Ecco perché se in questo momento senti di non avere un buon rapporto con il tuo corpo e spesso ti trovi a pensare “Devo assolutamente cambiare per poter finalmente stare bene ed essere felice”, è così importante parlare insieme di immagine corporea.

Cosa è, cosa la influenza e come può cambiare.

Quello che vivi non è il tuo peso ma la tua immagine corporea

Ti è mai capitato di vivere delle giornate in cui tutto sommato il rapporto con il tuo corpo era positivo per poi sentirti un vero disastro pochi giorni dopo? Oppure percepire in modo diverso il tuo corpo in seguito ad un commento, una frase o un numero sulla bilancia?

Queste sono tutte espressioni di quella che viene definita immagine corporea.

L’immagine corporea racchiude il rapporto con il proprio corpo: come lo vedi, lo senti, lo immagini, lo sogni. Come influenza i tuoi pensieri, le tue scelte e le tue giornate.

L’immagine corporea è quindi un concetto molto complesso, che si lega a tante sfere diverse e può influenzare molti aspetti della tua vita:

  • l'autostima, la fiducia in te e nelle tue capacità
  • le relazioni con gli altri, sia sentimentali che non, la libertà di esporti e metterti in gioco
  • l’umore, il senso di serenità e soddisfazione provati
  • il rapporto con il cibo e il movimento

L’immagine corporea può cambiare (ed è naturale che ciò accada)

Proprio come l’umore è naturale che fluttui tra felicità e tristezza, così è normale che l’immagine corporea cambi in base al momento che stai vivendo.

Ad esempio, a causa delle diverse fluttuazioni ormonali è naturale apprezzare di più la propria immagine nella fase del ciclo ormonale che segue le mestruazioni e sentirsi meno a proprio agio nel periodo pre-mestruale.

Si dice quindi che l’immagine corporea può essere più positiva o negativa.

Alcuni campanelli d'allarme per un'immagine corporea negativa possono essere:

  • Pensare spesso a come gli altri potranno giudicare il tuo corpo
  • Avere delle parti del tuo corpo che proprio non accetti e che noti frequentemente
  • Rifiutare occasioni, inviti e situazioni per non mostrare il tuo corpo
  • Investire molte risorse economiche, di tempo ed energia nel cercare di cambiare la forma del tuo corpo
  • Sentire che il tuo corpo è un fattore importante nel definire il tuo valore come persona, la tua felicità e realizzazione

La cosa più preziosa è che studi recenti hanno dimostrato come lavorando attivamente in modo profondo sulla propria immagine corporea sia possibile far sì che evolva in una versione sempre più positiva.

E che tali cambiamenti siano stabili, ossia che una volta resa la propria immagine corporea più positiva e radicata essa sia meno suscettibile ai cambiamenti o agli stimoli che possono influenzarla.

Come una foto, una frase o un cambiamento del peso corporeo.

Cosa influenza quindi l’immagine corporea?

Abbiamo detto che come sentiamo e vediamo il nostro corpo è definito dalla nostra immagine corporea, sulla quale è possibile lavorare in profondità perché si evolva in una versione sempre più positiva e radicata.

Per poter lavorare sulla propria immagine corporea è quindi necessario capire quali fattori la determinino, per poi capire quali hanno più importanza per te al momento e sciogliere un nodo alla volta.

Secondo uno studio piuttosto recente, i fattori che determinano l’immagine corporea possono essere divisi in:

  • Sociali, legati cioè al mondo che ti circonda e la realtà in cui hai vissuto
    Quanto è ampia e sfaccettata l’idea di bellezza? Quanto si lega al corpo? Quali sono i messaggi e le parole che ti hanno accompagnato nella vita riguardo il legame tra corpo, felicità e valore?
  • Individuali, legati a pensieri, gesti e caratteristiche personali
    Quali gesti di cura ti dedichi con quotidianità? Riesci a vivere con gentilezza e rispetto il tuo corpo? Riesci a dargli valore al di là della bellezza?

L’immagine corporea si lega al peso in modo diverso da quello che hai sempre pensato

Se quello che viviamo si racchiude nell’immagine corporea, allora perché il peso riesce ad influenzare così tanto la percezione di noi stesse? E perché vediamo la soluzione nel raggiungere il peso ideale?

Il peso rientra nei fattori sociali che abbiamo visto determinare l’immagine corporea.

Questo perché si lega in modo stretto all’idea di bellezza, la quale a sua volta si lega al valore della persona. In modo più o meno forte in base al contesto in cui ciascuna di noi è cresciuta.

Ed è proprio per questo che non esiste un numero preciso sulla bilancia che faccia sentire a proprio agio, che alcune persone sono più influenzate di altre dalle fluttuazioni del peso, e che controllare quel numero non è indice di un buon rapporto con il proprio corpo.

E come si lega al rapporto con il cibo?

Avere un’immagine corporea più o meno positiva influenza moltissimo anche il tuo rapporto con il cibo.

Avere un’immagine meno positiva fa sì che stimoli come una frase, un’immagine, un post o una variazione del peso inneschino in te un senso di inadeguatezza. Portandoti a sentire il bisogno di cambiare la forma del corpo perché questo sparisca.

Di conseguenza, il cibo così come il movimento vengono vissuti come degli strumenti da controllare, limitare, regolare, al fine di cambiare il proprio corpo.

Mano a mano che l’immagine corporea diventa più positiva questo circolo si perde. Il tuo valore e la tua serenità si slegano sempre di più dalla forma del corpo. Il peso viene vissuto nella sua complessità e viene presa consapevolezza del suo legame con il mondo che ti circonda.

Il cibo e il movimento diventano quindi una sfera naturale della tua vita, da vivere con spontaneità ed equilibrio, al di là di controlli e timori costanti.

Se ne senti il bisogno prova ad iniziare da qui

Aver letto questo articolo spero che ti abbia aiutato a prendere consapevolezza di come il rapporto con il corpo sia molto complesso. E del fatto che dietro ad desiderio di cambiare la propria forma del corpo per sentirsi a proprio agio e serene in realtà c’è molto di più del cambiare il proprio peso.

E adesso da dove puoi iniziare?

Lavorare sulla propria immagine corporea è un percorso molto delicato e personale, proprio perché i vari fili si intrecciano in modo unico in ognuna di noi. Inoltre, è importante dedicare una parte del lavoro alla sfera psicologica e una alla sfera nutrizionale per sciogliere in modo profondo ogni nodo. Darti consigli veloci e semplici non sarebbe d’aiuto, anzi.

Fonte: Tylka, Tracy L., and Nichole L. Wood-Barcalow. “What is and what is not positive body image? Conceptual foundations and construct definition.” Body image 14 (2015): 118-129.

Giada Fierabracci - Dietista non prescrittiva

Che bello averti qui

Sono Giada Fierabracci, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo. Da qualche anno lavoro come libera professionista, per lo più online, con al fianco la mia assistente a quattro zampe Ellie

Chi sono

Vuoi fare un passo in più?

Ho preparato una raccolta di doni per te, dedicati al tuo rapporto con il cibo e il corpo. Che tu sia paziente o professionista, troverai nuovi sguardi e aiuti. Tra lezioni, pratiche guidate, romanzi e poesie... riscriveremo insieme la sfera del cibo e del corpo. Nel tuo mondo personale o professionale.

sbircia i doni

Post correlati

Perdite di controllo: capirle, capirsi, pendersi cura

Oggi parliamo di perdite di controllo nel cibo, un tema che mi sta molto a cuore e che torna spesso nello spazio di cura. Come riconoscerle? Che bisogni possono racchiudere? Quali attenzioni e passi terapeutici possono aiutare? Una cosa, come dietista, che ho imparato nel tempo è: ogni persona ha un'idea e un'esperienza diversa di […]

Leggi il post
Difficoltà ad ascoltarsi nel cibo: cultura della dieta, grassofobia ed eredità familiare

Oggi parto dalle parole che sono arrivate da una di voi, parole che tornano spesso anche negli spazi di cura insieme quando parliamo di cultura della dieta. Quindi ho pensato fosse prezioso entrarci insieme. “Sono arrivata ad un punto in cui ho capito che devo ritrovare cosa mi fa stare bene nel cibo. Ma non […]

Leggi il post
come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - Un tea insieme. Parole su cibo e corpo

"Come sulla pelle", una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo

Due volte al mese, ti scrivo raccontando esperienze, conoscenze scientifiche, strumenti pratici ed ispirazioni. Partiamo dalle storie, quelle che ci entrano dentro e che sentiamo addosso, come sulla pelle. Per andare sempre più in profondità nel tuo rapporto con il cibo e il corpo.

Dice Hillman “Le parole sono come cuscini: quando sono disposte nel modo giusto alleviano il dolore”. Una newsletter, quella insieme, in cui parola dopo parola le storie diventano finestre: per avvicinarci, conoscerci, prenderci cura.

Vuoi prendere questo tea insieme?

Una lettera, da me per te

Una newsletter da leggere con un tea caldo, al risveglio, come ultima coccola della settimana per ritrovare un rapporto nel cibo e nel corpo sempre più consapevole, sereno, libero.

iscriviti alla newsletter

Sono Giada, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo.

info@giadafierabracci.com
© 2024 Giada Fierabracci - Dietista Nutrizionista Online | Ordine TSRM PSTRP n.81 | PIVA 01942600493
Privacy Policy & Notice | Aggiorna preferenze cookie | Termini e condizioni
Web design Miel Café Design | Foto Giui e Deerspensa | Brand identity Giulia Son | SEO La Scribacchina
bubblemagnifiercrossmenuchevron-down