I 3 passi per trovare l’alimentazione migliore per te

Quale è l'alimentazione migliore per te pensando al tuo benessere sia fisico che emotivo?

Capisco benissimo che sia difficile avere le idee chiare sul tema alimentazione, soprattutto con tutte le informazioni e i consiglio che si trovano oggi online.

Ci tengo tantissimo, quindi, ad aiutarti nel trovare la tua risposta. Sappi che questo lascerà spazio a qualche “dipende” in più, ma alla fine dell’articolo saprai finalmente quali domande porti per trovare l'alimentazione migliore per te.

Prima però: sai la differenza tra cosa, come e perché mangiare?

Quando ti chiedi “cosa mangiare”, in realtà probabilmente stai racchiudendo al suo interno 3 diverse domande:

  1. Cosa devo mangiare
  2. Come devo mangiare
  3. Perché devo mangiare

Non mi soffermerò a lungo sull’argomento in questo articolo, ma è davvero importante che tu colga la differenza per poter andare avanti.
Il cosa mangiare racchiude le abitudini alimentari migliori per te. Per farti capire meglio, qui rientra tutto ciò che è nutrienti, alimenti, intolleranze...
Il come mangiare riguarda invece come ti approcci al cibo e rientrano qui argomenti come il segnale di fame-sazietà, l’orario dei pasti, gli alimenti vissuti come proibiti.
Infine, il perché mangiare racchiude fame legata alle emozioni, stress e tutto ciò che influenza il tuo rapporto con il cibo nella sfera più emotiva.
Conoscere questa differenza è importantissimo. Perché?
Perché trovare il tuo equilibrio nel rapporto con il cibo vuol dire prendersi cura delle 3 sfere, con attenzioni e strumenti diversi ma legati.
Oggi ci soffermiamo quindi  sulla sfera del cosa mangiare, mentre al “come” e “perché” ci dedicheremo in altri articoli.

Domanda #1. Cosa mettere nel piatto per un'alimentazione nutriente?

La prima cosa da fare è mettere una buona base di educazione alimentare per capire quali scelte alimentari sono più vantaggiose per il tuo benessere.

Per farlo puoi dedicarti alla lettura delle varie linee guida (googlando “Linee guida sana alimentazione 2018” trovi quelle italiane più recenti), oppure affidarti ad un professionista per degli incontri privati o dei corsi sul tema.

In questo momento non preoccuparti di eventuali necessità speciali. Inizia imparando le poche cose davvero utili per avere un’alimentazione nutriente ed equilibrata.

Domanda #2. Quali sono i tuoi bisogni speciali?

La seconda domanda a cui devi rispondere per trovare la tua alimentazione di benessere è: ho dei bisogni speciali? E se sì, quali sono?

Se, infatti, le basi sono uguali per tutta la popolazione generale, alcuni aspetti vanno poi adattati ai tuoi bisogni unici.

Non parlo tanto di quantità, cosa che abbiamo detto prima rientra nella sfera del “come mangiare”. Mi riferisco invece a quali alimenti preferire, con quali abbinamenti ed in che frequenza.

Per farti un esempio, nel caso mio e di molte mie pazienti rientrano qui tutte le piccole accortezze legate alla Sindrome dell’Ovaio Policistico e alla conseguente insulino-resistenza. 

Voglio però darti un consiglio prezioso: attiva la modalità “critica” in questo step.

E’ proprio qui che, spesso, fanno leva alcuni tipi di marketing travestendo da bisogni speciali tante caratteristiche che invece rientrano tranquillamente nella popolazione generale e che, quindi, non hanno bisogno di ulteriori limiti o regole.

Domanda #3. Cosa ti dice il tuo corpo?

Ci sono alimenti che proprio non ti piacciono?
Cibi che fai fatica a digerire?
O, al contrario, alimenti di cui vai pazza?

Ricordati che nessuno conosce meglio di te stessa i tuoi bisogni. La tua alimentazione deve rappresentarti a pieno, andare incontro alle tue esigenze e non semplicemente rispettare le Linee Guida. Impara quindi a leggere i segnali del tuo corpo per trovare la realtà perfetta per te.

Ti porto un esempio tratto dal lavoro con una mia paziente.

Lei è una lavoratrice pendolare e una mamma. Quindi le giornate sono molto impegnative e il tempo è poco. Guardando alla semplice teoria, le linee guida dicono che alcune attenzioni importanti sono consumare la verdura ai pasti principali e variare molto. La paziente non è abituata a variare ed inoltre ha davvero poco tempo da dedicare alla preparazione dei pasti. Ecco che, cercando insieme una soluzione che fosse il giusto compromesso per il suo benessere, è emersa la possibilità di sfruttare pasti già pronti (asporto, gastronomia, ristorazione...) per il pranzo in ufficio. Questo le ha permesso di alleggerire il carico quotidiano, variare più facilmente, inserire molto spesso delle verdure, il tutto mantenendo l'appagamento e il gusto.

Lasciando andare la perfezione e mettendo al centro la persona, i suoi bisogni e il suo benessere.

Questo è sicuramente il punto più impegnativo, soprattutto dopo un passato di diete e piani alimentari, perché si è persa la fiducia nei propri segnali e nella capacità di auto-regolarsi e prendere scelte di benessere in autonomia.

Sappi che non sei sola e che, se ne senti il bisogno, puoi chiedere supporto per essere guidata in questo tuo percorso.

Giada Fierabracci - Dietista non prescrittiva

Che bello averti qui

Sono Giada Fierabracci, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo. Da qualche anno lavoro come libera professionista, per lo più online, con al fianco la mia assistente a quattro zampe Ellie

Chi sono

Vuoi fare un passo in più?

Ho preparato una raccolta di doni per te, dedicati al tuo rapporto con il cibo e il corpo. Che tu sia paziente o professionista, troverai nuovi sguardi e aiuti. Tra lezioni, pratiche guidate, romanzi e poesie... riscriveremo insieme la sfera del cibo e del corpo. Nel tuo mondo personale o professionale.

sbircia i doni

Post correlati

Perdite di controllo: capirle, capirsi, pendersi cura

Oggi parliamo di perdite di controllo nel cibo, un tema che mi sta molto a cuore e che torna spesso nello spazio di cura. Come riconoscerle? Che bisogni possono racchiudere? Quali attenzioni e passi terapeutici possono aiutare? Una cosa, come dietista, che ho imparato nel tempo è: ogni persona ha un'idea e un'esperienza diversa di […]

Leggi il post
Difficoltà ad ascoltarsi nel cibo: cultura della dieta, grassofobia ed eredità familiare

Oggi parto dalle parole che sono arrivate da una di voi, parole che tornano spesso anche negli spazi di cura insieme quando parliamo di cultura della dieta. Quindi ho pensato fosse prezioso entrarci insieme. “Sono arrivata ad un punto in cui ho capito che devo ritrovare cosa mi fa stare bene nel cibo. Ma non […]

Leggi il post
come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - Un tea insieme. Parole su cibo e corpo

"Come sulla pelle", una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo

Due volte al mese, ti scrivo raccontando esperienze, conoscenze scientifiche, strumenti pratici ed ispirazioni. Partiamo dalle storie, quelle che ci entrano dentro e che sentiamo addosso, come sulla pelle. Per andare sempre più in profondità nel tuo rapporto con il cibo e il corpo.

Dice Hillman “Le parole sono come cuscini: quando sono disposte nel modo giusto alleviano il dolore”. Una newsletter, quella insieme, in cui parola dopo parola le storie diventano finestre: per avvicinarci, conoscerci, prenderci cura.

Vuoi prendere questo tea insieme?

Una lettera, da me per te

Una newsletter da leggere con un tea caldo, al risveglio, come ultima coccola della settimana per ritrovare un rapporto nel cibo e nel corpo sempre più consapevole, sereno, libero.

iscriviti alla newsletter

Sono Giada, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo.

info@giadafierabracci.com
© 2024 Giada Fierabracci - Dietista Nutrizionista Online | Ordine TSRM PSTRP n.81 | PIVA 01942600493
Privacy Policy & Notice | Aggiorna preferenze cookie | Termini e condizioni
Web design Miel Café Design | Foto Giui e Deerspensa | Brand identity Giulia Son | SEO La Scribacchina
bubblemagnifiercrossmenuchevron-down