Emicrania e dieta: gli alimenti a cui prestare attenzione

Se soffrite di emicrania, avreste mai pensato che l'alimentazione potrebbe essere un aiuto?

Ma iniziamo dall'inizio, capendo cosa scatena le emicranie e perché gli alimenti possono influenzarle.

Le emicranie sono diverse dal mal di testa?

Le emicranie non sono dei semplici mal di testa, ma qualcosa di più.

Il meccanismo biologico che causa le emicranie è abbastanza complesso, ma in parole semplici c’è un malfunzionamento temporaneo nella comunicazione tra cervello, nervi e vasi sanguigni, il quale porta alla liberazione di molecole pro-infiammatorie.

Tutto questo, causa i sintomi più comuni come il dolore pulsante e intenso, spesso accompagnato da nausea, ipersensibilità a suoni e luci...

L’alimentazione può aiutare più di quanto credi

È stato visto che ognuno di noi può essere sensibile ad alcuni alimenti, chiamati alimenti “triggers”. Questo vuol dire che il consumo di questi alimenti può facilitare la comparsa di una crisi emicranica in chi ne è sensibile. Tanto che è stato visto che, eliminando questi alimenti dalla propria dieta insieme a una figura specializzata, si ha la scomparsa o la riduzione delle crisi in fino al 50% dei soggetti.

La cosa più importante è che, pur essendoci alcuni alimenti che più spesso sono triggers in caso di emicrania e alcuni definiti invece “sicuri”, è stato visto ognuno di noi può essere sensibile ad alimenti diversi.

Gli alimenti "triggers"

Tantissimi alimenti sono stati analizzati proprio perché, come dicevamo prima, ogni persona può essere sensibile a cibi diversi.

Nel complesso, i gruppi di alimenti più a rischio di essere trigger sono:

  • Alcolici
  • Bevande con caffeina e teina
  • Alimenti che contengono glutammato monosodico
  • Cibi ricchi di istamina
  • Alcuni dolcificanti
  • Alcuni conservanti

Cosa hanno di tanto particolare questi alimenti?

Ebbene, riescono a rilasciare o attivare sostanze che agiscono sul nostro sistema nervoso e sui processi infiammatori. In questo modo, stimolano i meccanismi che innescano le crisi emicraniche.

Gli alimenti "sicuri"

Come per gli alimenti triggers, allo stesso modo è stato visto che alcuni alimenti sono “sicuri” dal punto di vista delle emicranie. Sono cioè alimenti che praticamente mai sono risultati essere cibi triggers in persone affette da emicrania.

Questi alimenti “sicuri” sono:

  • Riso
  • Verdure
  • Frutta
  • Legumi freschi o secchi
  • Carne e pesce non conservati

Questo perché questi alimenti non contengono sostanze che vanno ad influenzare i meccanismi alla base delle crisi emicraniche.

Cosa è una dieta ad eliminazione

Proprio perché ognuno può avere cibi trigger diversi, la raccomandazione a livello clinico è quella di scoprire se e quali siano i propri con una dieta ad eliminazione.

In pratica, con il supporto di una figura specializzata si eliminano per un periodo più o meno lungo (di solito qualche settimana) gli alimenti solitamente più a rischio, aumentando il consumo di quelli “sicuri”. Se le crisi emicraniche diminuiscono, è possibile che tra gli alimenti esclusi alcuni siano triggers.

A questo punto, quindi, si reintroducono uno per volta gradualmente gli alimenti esclusi. Quello/quelli che, una volta reintrodotti, sono associati ad un aumento delle emicranie, possono essere cibi triggers e il loro consumo verrà approfondito insieme al professionista.

E se ancora non funziona?

Le possibilità sono due:

  • I vostri cibi trigger non sono tra quelli più comuni, quindi è necessario scavare più a fondo
  • Non avete cibi trigger, quindi le crisi emicraniche non sono collegate all’assunzione di particolari alimenti

Ebbene, come avete visto l'alimentazione può essere d'aiuto nel ridurre la frequenza e l'intensità delle crisi emicraniche. Se, quindi, finora non lo avete considerato, beh vi consiglio di approfondire questo aspetto con la figura medica di fiducia.

Mi raccomando però:

  • no al fai-da-te, può fare davvero dei grossi danni
  • approfondite prima tutte le possibili cause insieme al vostro medico, così da essere sicuri di stare affrontando il problema nel modo migliore

Per ogni domanda o riflessione, io ci sono

Approfondimenti e riferimenti

Quali attenzioni nell'alimentazione avere in caso di emicranie? Revisione della letteratura.

Un approccio naturale al problema delle emicranie, Corallini e Baroni - SSNV

Giada Fierabracci - Dietista non prescrittiva

Che bello averti qui

Sono Giada Fierabracci, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo. Da qualche anno lavoro come libera professionista, per lo più online, con al fianco la mia assistente a quattro zampe Ellie

Chi sono

Vuoi fare un passo in più?

Ho preparato una raccolta di doni per te, dedicati al tuo rapporto con il cibo e il corpo. Che tu sia paziente o professionista, troverai nuovi sguardi e aiuti. Tra lezioni, pratiche guidate, romanzi e poesie... riscriveremo insieme la sfera del cibo e del corpo. Nel tuo mondo personale o professionale.

sbircia i doni

Post correlati

Perdite di controllo: capirle, capirsi, pendersi cura

Oggi parliamo di perdite di controllo nel cibo, un tema che mi sta molto a cuore e che torna spesso nello spazio di cura. Come riconoscerle? Che bisogni possono racchiudere? Quali attenzioni e passi terapeutici possono aiutare? Una cosa, come dietista, che ho imparato nel tempo è: ogni persona ha un'idea e un'esperienza diversa di […]

Leggi il post
Difficoltà ad ascoltarsi nel cibo: cultura della dieta, grassofobia ed eredità familiare

Oggi parto dalle parole che sono arrivate da una di voi, parole che tornano spesso anche negli spazi di cura insieme quando parliamo di cultura della dieta. Quindi ho pensato fosse prezioso entrarci insieme. “Sono arrivata ad un punto in cui ho capito che devo ritrovare cosa mi fa stare bene nel cibo. Ma non […]

Leggi il post
come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - come sulla pelle - una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo - Un tea insieme. Parole su cibo e corpo

"Come sulla pelle", una lettera dedicata alle storie che ci portiamo dentro su cibo e corpo

Due volte al mese, ti scrivo raccontando esperienze, conoscenze scientifiche, strumenti pratici ed ispirazioni. Partiamo dalle storie, quelle che ci entrano dentro e che sentiamo addosso, come sulla pelle. Per andare sempre più in profondità nel tuo rapporto con il cibo e il corpo.

Dice Hillman “Le parole sono come cuscini: quando sono disposte nel modo giusto alleviano il dolore”. Una newsletter, quella insieme, in cui parola dopo parola le storie diventano finestre: per avvicinarci, conoscerci, prenderci cura.

Vuoi prendere questo tea insieme?

Una lettera, da me per te

Una newsletter da leggere con un tea caldo, al risveglio, come ultima coccola della settimana per ritrovare un rapporto nel cibo e nel corpo sempre più consapevole, sereno, libero.

iscriviti alla newsletter

Sono Giada, dietista non prescrittiva con due anime: una da scienziata e una più umanistica. Nel lavoro queste due metà si intrecciano per ricostruire insieme il rapporto con il cibo e il corpo, libero dalle pressioni del mondo.

info@giadafierabracci.com
© 2024 Giada Fierabracci - Dietista Nutrizionista Online | Ordine TSRM PSTRP n.81 | PIVA 01942600493
Privacy Policy & Notice | Aggiorna preferenze cookie | Termini e condizioni
Web design Miel Café Design | Foto Giui e Deerspensa | Brand identity Giulia Son | SEO La Scribacchina
bubblemagnifiercrossmenuchevron-down