Piano piano un nuovo percorso sta nascendo

sulla consapevolezza del corpo e della bellezza

Nel tuo rapporto con il corpo, prova a immaginarti come una piccola cipolla.

Al centro ci sei tu e, crescendo, mano a mano si sono creati nuovi strati: famiglia, amicə, colleghə, fino al mondo e alla società. Ogni strato ha aggiunto un pezzetto al tuo modo di vivere il corpo e la bellezza, creando un filtro attraverso cui guardi le altre persone, ma anche te stessə.

Prendere consapevolezza del tuo spazio mentale nel rapporto con il corpo, del tuo filtro nella sua profondità e nei tanti pezzetti che lo compongono, ti permette di scegliere con più libertà. Di non essere più oggetto, ma diventare soggetto e protagonista in questa relazione spesso complicata.

Questo percorso - che sta nascendo grazie ad altre professioniste non dietiste davvero preziose - vuole guidarti nel prendere piena consapevolezza sul tema corpo e bellezza. Per lasciarti così degli strumenti da portare con te nella tua quotidianità, nella tua sfera più personale o se sei unə professionista in quella dei tuoi percorsi di cura.

Senti risuonare in te

tutto questo?

Il percorso sarà in piccolo gruppo e sta piano piano prendendo forma dietro le quinte tra lezioni, incontri, letture… Si aprirà alle iscrizioni nel 2023.

Iscrivendoti alla lista d’attesa senza impegno, ti aggiornerò via email non appena il percorso prenderà forma (e anche prima, con qualche dietro le quinte). E avrai priorità sui posti disponibili che, ancor di più in questa prima edizione, saranno pochi e intimi.

.

Se non ci conosciamo

qualcosa su di me

Sono Giada, dietista nutrizionista, e mi dedico ad aiutare le persone a ricostruire il proprio rapporto con il cibo quando diventa complicato, spesso dopo molte diete. Così da tornare a viverlo con equilibrio e libertà, in ogni forma del corpo.

Nel lavoro insieme troverai un approccio gentile, sincero e dai ritmi calmi che unisce ascolto e pragmatismo. Ti aiuterò a portare in superficie i tuoi bisogni e il tuo senso di salute e benessere, senza mai imporre il mio. Nel dare spazio ad emozioni e sensazioni rimarremo però ancoratə alla concretezza e validità scientifica, frutto anche del mio passato nella ricerca medica.

Sogno un mondo in cui ci si senta liberə di essere se stessə e di coltivare ciò che davvero ci fa stare bene. Un mondo in cui si possa godere del cibo con serenità, come nutrimento per il corpo e per il cuore, e dove il valore di ogni persona non dipenda dal peso o dalla forma del corpo

E nel mio lavoro cerco di portare un pezzetto di questo mondo nella vita di ogni miə pazientə.

Scroll to Top