Dieta di coppia: mangiare bene insieme al partner

dieta di coppia

Oggi parliamo di dieta di coppia.

Perché, diciamocelo, mangiare bene e fare sport è molto più facile quando:

  1. Si vive da soli
  2. Si vive con qualcuno che non ci tenta h24 con Netflix e gelati

Qualche mese fa ho iniziato a convivere con il mio compagno.
Immaginate me, dietista con alimentazione vegetale e sport, e lui, amante dello spiedo bresciano e informatico

Quindi so per esperienza personale quanto sia importante un ambiente che ci aiuti a sostenere il nostro stile di vita, soprattutto quando siamo agli inizi e stiamo ancora lavorando su noi stesse.

Vi lascio quindi 5 consigli pratici 100% testati per una felice e duratura “dieta di coppia” 🙂

1. Siate un modello non un arbitro

Se cercate di imporre la vostra visione, per quanto lo facciate con buone intenzioni, non funzionerà.

Quello che davvero funziona è continuare a coltivare il vostro stile di vita: curare la vostra alimentazione, fare movimento, meditare, avere fiducia in voi stesse, essere felici.

Vi assicuro che, seppur all’inizio il partner sarà scettico, vedendo i vostri progressi e sorrisi, nel tempo si avvicinerà a voi e sarà lui/lei a chiedervi di coinvolgerlo/a 🙂

2. Dieta di coppia vuol dirle farlo insieme

Vi sarà capitato anche a voi di essere scettica di fronte ad una nuova passione del vostro partner.

In fondo, tutti abbiamo un po’ paura dei cambiamenti e di essere in qualche modo esclusi 🙂

Coinvolgete l’altra metà nel nuovo stile di vita!

Parlate dello sport che vi sta appassionando, delle informazioni che leggete, di come vi sentite. Condividete anche i momenti in cui vi sembra di non farcela. 

Si sentirà vostro complice e vorrà mettersi in gioco con voi.

3. Divertitevi insieme

Come si fa a divertirsi faticando e stando a dieta?

Se vi state chiedendo questo, forse dobbiamo rivedere il vostro concetto di “migliorare lo stile di vita” (io sono sempre felice di darvi il benvenuto nel nostro gruppo Facebook insieme ad altre bellissime donne).

Le nuove abitudini devono farvi sentire bene. Non deve valere il principio “mal comune mezzo gaudio”, anzi.

Scegliete insieme delle nuove ricette da provare, dei cibi particolari, degli sport nuovi, fate delle piccole sfide di coppia (ad esempio chi trova la ricetta “healthy” più buona o chi trova la verdura più strana).

Questa può essere una grande occasione per alimentare la complicità 😉

4. Iniziate con il meal prep

Se non sapete di cosa si tratta, ho scritto un articolo dedicato a come fare meal prep in modo semplice e veloce.

Soprattutto agli inizi e quando si ha una vita frenetica tra lavoro, famiglia, coppia… avere qualcosa di pronto è un grande aiuto.

Eviterà ad entrambi di cedere, tra attacchi di fame e gambe a pezzi, alla pizza congelata o alle lasagne pronte (o almeno, vi eviterà di cederci come abitudine, che è quello che conta).

5. La differenza fa la forza

Si crede spesso che la strada sia solo una: pollo alla griglia, insalata e gallette. Per fortuna, non funziona così!

Uno stile di vita sano ha mille sfumature, sia nei ritmi, che nello sport, che nel cibo. Cercate quindi di non forzarvi a mangiare le stesse cose.

Siete due persone diverse e sicuramente avrete gusti diversi.

Già è impegnativo cambiare le vostre abitudini, se in più vi imponete qualcosa che non vi piace sarà un fallimento garantito.

Come fare per non impazzire tra i fornelli?

Usate gli stessi ingredienti, ma scegliete la combinazione che preferite.

Ad esempio, fagioli e pomodori possono diventare

  • un’insalatona con dei crostini, dell’insalata e della frutta secca
  • un piatto caldo con del pane abbrustolito e un giro d’olio
  • delle bruschette
  • dei tacos

Insomma, stessi ingredienti abbinati in modo diverso secondo i gusti di ciascuno.

Ecco qua i miei 5 consigli per una felice e duratura dieta di coppia.

Se possono sembrarvi semplici e poco impegnativi, allora sono proprio perfetti per voi.

Ricordatevi che un palazzo si costruisce un mattone alla volta.

I consigli da “rivoluziona la tua vita in un giorno” saranno quelli non sostenibili e, a lungo andare, inutili per cambiare davvero.

Se avete qualche domanda o curiosità, io sono qui 🙂

Un abbraccio,
Giada

Torna su